Davide Paolini ®
Sei in: Home In-zuppati nel ramen
Editoriale
06/03/2017

In-zuppati nel ramen

Dopo l'inondazione del sushi, la cucina giapponese continua a fare tendenza con il ramen

Città, paesi, borghi, non solo d’Italia, ma del mondo, stanno per assistere ad una nuova invasione giapponese. Dopo l’inondazione del sushi, infatti, è in arrivo la zuppa ramen, un piatto sconosciuto per chi, almeno una volta, non abbia  visitato il paese del Sol Levante. È davvero bizzarro che sia la cucina giapponese a imporre le mode anche in  paesi di grande tradizione culinaria, ma è fuori discussione che, come con il sushi, stia dettando legge negli ultimi dieci anni.

(Bottega del Ramen - via Vigevano 20, Milano)

Avrà la stessa diffusione anche il ramen? Ad osservare ciò che sta succedendo, a partire dal successo durante Expo nel 2015 e poi nella diffusione di numerose aperture di Ramen a Milano (già una decina ma già programmate altrettante), Firenze e Roma, si può rispondere che è in atto un boom inaspettato. Tra l’altro c’è da notare che si assiste ad un vero proprio up&down: chiudono diverse hamburgerie (non poteva essere altrimenti, dopo una crescita abnorme) a fronte appunto di tanti locali che offrono unsolo piatto, una zuppa chiamata ramen, che, a quanto pare, significa più o meno tagliatella.

(Zazà Ramen - via Solferino 48, Milano)

Di cosa si tratta? È un piatto tipico dello street food giapponese, sebbene, fino agli anni ’50, fosse chiamato shina soba (praticamente soba cinese), una specialità di origine cinese che gli intraprendenti commercianti del Sol Levante hanno trasformato in un importante business. Infatti non solo è un piatto di street food, ma esiste pure una versione istantanea servita in busta, creata da Momofuku Ando, di cui ne vengono vendute circa 95 miliardi di porzioni.

(Casa Ramen - via Luigi Porro Lambertenghi 25, Milano)

Il ramen ha quattro varianti in base al tipo di brodo: chiaro; realizzato con ossa di maiale; scuro a base di pollo e verdura; conmiso mischiato con brodo di pesce. Viene servito con tagliatelle di frumento con l’aggiunta di salsa di soia, maiale, alghe, cipolla, kamaboko (ma ogni cuoco poi ha la sua ricetta segreta). Le proposte delle zuppe di Casa Ramen di Milano sono piaciute talmente ai palati giapponesi che il cuoco italiano patron del locale, Luca Catalfamo, ha aperto, su invito a Tokyo al Museo del ramen di Shin -Yokohama, il suo Casa Luca con grande successo.



Lascia un commento

Vittorio Porro (8 mesi fa)

Vorrei umilmente far osservare che adesso il ramen passa per cucina giapponese, ma è cinese ed è diffuso in tutto l'Estremo Oriente. In Giappone è molto popolare come tanti altri piatti cinesi. "Shina soba" se mai sarà "Chuka soba" e non vuol certo dire "roba cinese" e chi l'ha detto che prima degli anni 50 non esisteva il ramen?

Patrick (8 mesi fa)

per Vittorio Porro: si dice anche Shina soba, anche se è più frequente Chuka soba' e pur essendo di origine cinese (e lo ricorda il fatto che lo stesso nome ramen sia ancora scritto in katakana, usato per le parole straniere) è indubbio che il ramen sia diventato a tutti gli effetti giapponese e molto diverso da piatti anche molto simili serviti in altri Paesi asiatici.

Torna alla homeTorna alla Home

Cerca

Top