Davide Paolini ®
Sei in: Home Il panettone patrimonio dell'umanità
Editoriale
15/01/2018

Il panettone patrimonio dell'umanità

Che sia il modo per proteggerlo dal tarocco?

Pasticcieri, panettieri, pizzaioli quali produttori di panettone tradizionale, state all’erta: il successo degli ultimi anni potrebbe avere delle insidie,  quando un prodotto comincia ad andare a ruba anche nei mercati esteri. Soprattutto chi produce con qualità (farine, burro, uvette, canditi, etc.) deve stare attento ai tarocchi perché i pericoli arrivano dai mercati esteri dove il fenomeno “italian sounding" colpisce già tanti giacimenti gastronomici e, di conseguenza, la qualità espressa dal made in Italy e la bilancia commerciale. 
Mentre il panettone è diventato come “Figaro", c’è di contro uno strano silenzio attorno ai tanti panettoni taroccati, prodotti oltre frontiera mentre si sbraita a tutti i livelli se un formaggio o un salume dop, igp (e chi più ne ha, più ne metta) sono prodotti fuori confine con “nomi” italianissimi (che sia la forza delle lobbying assai diversa?). I pericoli sono nell’aria, si chiamano Bauducco in Brasile e D’Onofrio in Perù (non di meno chi esporta dall’Italia con margarina al posto del burro, come è successo in Svizzera). Soprattutto l’azienda di Bauducco ha raggiunto risultati davvero impressionanti con la scritta “panettone" e con la Colomba Pascal (marchio depositato in Brasile, ma in Italia non lo è). 
Se da un lato si può essere orgogliosi, come italiani, del successo di un emigrante che ha colmato un vuoto di mercato lasciato colpevolmente dai nostri produttori, dall’altro viene da chiedersi chi non abbia difeso istituzionalmente il panettone e la colomba dall’italian sounding. Poi si “piange” quando si annunciano le cifre dei tarocchi italianizzati (i francesi insegnano come proteggere i loro prodotti anche fuori Ue), quasi fossero gli emigranti abili i responsabili. 
Stessa storia anche in Perù, dove si divora il panettone non solo a Natale, ma pure a luglio, grazie a un figlio di emigranti, Antonio D’Onofrio, che ha creato un brand di successo (poi ceduto alla Nestlè). L’aspetto bizzarro dell’uso del panettone in Perù è da parte dei politici locali: si fanno stampare sopra la confezione la loro faccia (grande idea per le prossime elezioni). Pasticcieri, panettieri, pizzaioli unitevi per far diventare il panettone “patrimonio dell’umanità Unesco", una protezione dal tarocco.



Lascia un commento

Nessun commento al momento.

Torna alla homeTorna alla Home

Cerca

Top