Con tutte quelle, tutte quelle Bollicine

Non solo vini da festa, ma anche da grandi abbinamenti quelli usati per brindare alle feste


Leggere, frizzanti, fresche e delicate: le bollicine hanno il dono di portare allegria sulle tavole. Purtroppo capita che ci si ricorda dei Franciacorta docg, degli spumanti metodo classico, di quelli metodo charmat, degli champagne solo durante le festività, quando alla mezzanotte del 31 dicembre, fanno letteralmente parlando, il botto. Anche se non avrebbero nulla da invidiare ai grandi rossi, perché le microbolle spesso coincidono con importanti etichette e sono ideali per accompagnare piatti di diverso tipo.

 

Ma perché devono essere protagonisti solo effimeri della tavola e non sono presenti anche durante tutto il resto dell’anno? Eppure non c’è di meglio delle bollicine a tutto pasto o da gustare con grandi piatti, quali il bollito e i tortellini in brodo. Perché considerarli solo vini da festa e non vini da grandi abbinamenti? A questa e ad altre domande sulle bollicine, il Gastronauta risponderà sabato 28 dicembre, alle ore 11 su radio 24, con:


RIASCOLTA IL PODCAST >>>
 

FRANCO MARIA RICCI | Direttore di Bibenda

MATTEO LUNELLI | Presidente Cantine Ferrari

ELVIRA BORTOLOMIOL | Cantina Bortolomiol di Valdobbiadene (TV)

MAURIZIO ZANELLA | Presidente Consorzio per la tutela del Franciacorta e produttore Ca’ del Bosco  

LUCA GARDINI | Campione del mondo dei sommelier 2010

CHRISTIAN BELLEI | Cantina della Volta, Bomporto (MO)

STEFANO ZANETTE |  Presidente Consorzio di Tutela Prosecco Doc

FEDERICO GRAZIANI | Esperto di vino e scrittore 

GIACOMO MOJOLI | Docente di Design del Prodotto, Politecnico di Milano e Fondatore Slow Food

ADV

Leggi anche


Un elegante Rosé per le feste natalizie

Andrea Bianchi - L'Arusnate il 13 dic 2018

Bisol, i pionieri del Prosecco Superiore

La Redazione il 04 dic 2018

Un Chianti bello e buono

Andrea Bianchi - L'Arusnate il 28 nov 2018