Biodiversità, il pomodoro Riccio di Parma

Domenica 12 Agosto a Traversetolo la festa dedicata


La biodiversità sembra diventata come Figaro, ma è tutto oro ciò che luccica o spesso si tratta solo di marketing?

Che sia una varietà antica il pomodoro Riccio di Parma invece è di certo notizia vera, giusto quindi festeggiarlo, domenica 12 agosto a Traversetolo (PR), territorio della Val Parma, che possiede terreno e clima ideali per coltivarlo.
Circa 150 anni fa il professor Carlo Rognoni introdusse nella rotazione agraria la coltivazione del Riccio di Parma, antica varietà di pomodoro poi abbandonata negli anni’50, che per fortuna ha trovato poi i suoi custodi (riuniti in associazione) che ne hanno conservato i semi e si sono impegnati nella coltivazione.

La Centrale della Frutta di Traversetolo è una di queste piccole realtà che si occupano della sua valorizzazione e nei suoi campi oggi si può visitare un museo all’aria aperta, ovverosia le piante di oltre 200 varietà di pomodoro di tutto il mondo.
La festa a Traversetolo avrà una mostra mercato del pomodoro riccio aperta dalle ore 9 fino alle 24 e si terrà un convegno sugli antichi pomodori di Parma.
Per gli amanti di questo antico ortaggio poi ci sarà un seguito l’8 e il 9 settembre a Rural, il festival della biodiversità agricola nel parco Barboj di Rivalta a Lesignano de’Bagni.

Contatti

Centrale della Frutta

Strada Pedemontana per Bannone, 128
0521.844315
info@centraledellafrutta.it
www.centraledellafrutta.it

ADV

Leggi anche


In Emilia Romagna il festival della biodiversità

La Redazione il 04 set 2018

Pomodoro camone, da sardo a svizzero

Davide Paolini il 25 giu 2018

Nel Polesine parmense una stella di trattoria

Giorgio Bobba il 23 mag 2018