Grazie Rita!

Ci ha lasciato l'anima dell'Hotel Gallura di Olbia, un pezzo di Sardegna


Sento molta commozione nello scrivere che la “Signorina Rita” (come la chiamavano con affetto i suoi ragazzi del ristorante Hotel Gallura di Olbia) ci ha lasciato dopo una lunga malattia. E sento altrettanta tristezza per come sia stata trattata nella sua città, Olbia, sfrattata quando era in Ospedale e mai supportata durante la sua attività, se non altro per il lustro “gastronomico” che dava alla città. E’ stata per lunghi anni una dei rari ambasciatori della cucina sarda, ma soprattutto ha fatto conoscere a molti, a tanti, i giacimenti gastronomici della sua terra, quando ancora erano poco conosciuti, e alcuni piatti in via di estinzione.

Tappa obbligata di chi volesse gustare pietanze uniche e straordinarie, il Ristorante Hotel Gallura ha visto passare dai suoi tavoli personaggi noti e buongustai sconosciuti sempre accolti con quel suo modo "sardo" di ricevere. Grazie Rita di avermi fatto scoprire gli anemoni fritti e i limoni di mare e tanto altro, mi mancherai nei viaggi in Sardegna e sicuramente non farò tappa ad Olbia, non c’è più una ragione. 


ADV

Leggi anche


Vacanze, una nuova apertura in Sardegna

Severino Salvemini il 31 lug 2018

Pomodoro camone, da sardo a svizzero

Davide Paolini il 25 giu 2018

Mari, monti e cucina "naturale"

Severino Salvemini il 12 gen 2017