Il cenone Zibaldone

L'anno che volge ha visto imperversare il cibo, visto, parlato e in rete. Ma quanto durerà questo festival della cucina mediatica?


È stato l'anno di Giacomo Leopardi, rievocato in un film, come è capitato a ben pochi poeti e letterati. A me, di lui, sono tornate in mente lacune splendide prose e, soprattutto, lo Zibaldone, il crogiolo dei suoi pensieri. "Zibaldone" è una splendida parola per salutare il 2014 con riflessioni gastronomiche, mentre corriamo verso il 2015.

L’anno che volge (non al desio) è stato – ancor di più – all'insegna degli chef, guru incontrastati di tv, giornali e riviste, e al centro dei chiacchiericci negli uffici, in treno, nei salotti di casa, nelle sale d’attesa dei parrucchieri e dei dentisti. Insomma, a fronte dei ristoranti semi vuoti, ha imperversato il cibo visto, parlato e, soprattutto, in rete. Si mangia sempre più con lo smartphone o con l' pad, con il taccuino e la penna a portata di mano, piuttosto che con la bocca, il cucchiaio e la forchetta. Peccato perché molti piatti, quando perdono la temperatura prevista, possono diventare immangiabili, ma ciò che conta è essere seduti lì, dove lo chef, preferibilmente mediatico, ha il suo palcoscenico. Magari non c’è perché ha un evento a casa di un privato,  oppure ha uno show cooking al festival di Roccacannuccia o un promo da registrare. Non c’è da scoraggiarsi, spesso il sous chef è più bravo.

Durerà questo barnum del cibo? Sempre in prima pagina, ma sarà tutto rosa? A leggere i dati sui consumi e sul saldo chiusure-aperture dei locali non parrebbe proprio così, anzi. Ma che importa, tanto è in arrivo il cenone. Il festival delle lenticchie, dell'uva e del capitone per ingraziarsi il dio denaro e la fortuna che, a quanto pare, bacerà solo gli agriturismi. Speriamo siano in regola con il provvedimento comunitario sugli allergeni scritti nel menu vicino ai tortellini o al formaggio e, soprattutto speriamo che sui tavoli siano sparite le vecchie oliere, sostituite dalle bottiglie con tappo antirabbocco. Ci mancherebbe non fosse così: la maggior parte degli agriturismi dichiara di produrre tutto direttamente, a cominciare dall'olio extravergine d'oliva. 


Largo poi al panettone (attenzione al glutine, riportato in menu), ma non solo, anche alla gubana friulana e al pandolce genovese. Ma non rovinateli con gli spumanti metodo classico, fate invece ricorso a un buon Moscato. 
Poi, pazienza, a mezzanotte i tappi voleranno e, a quanto pare, con milioni di bottiglie di spumanti "made in Italy" (con il Prosecco sempre più sugli scudi) messaggio ripetuto non so quante volte, quasi a scacciare lo champagne. Ma le griffe (Krug, Dom Perignon, eccetera) saranno sempre presenti nonostante la roboante campagna del "bere italiano".

Ai lettori un goloso 2015.

Sine qua non 

 

 

ADV

Leggi anche


La bomba di Niko Romito apre a Milano

Cristina Rombolà il 19 giu 2018

Da Bottura a Dina: il sogno di Alberto Gipponi

Michela Brivio il 12 giu 2018

Occhio al cibo

Davide Paolini il 04 giu 2018