Iniziare con l'uovo fritto è rock

La fama del benvenuto del ristorante Il Cantuccio è ormai nota: uovo di selva fritto con salsa d'acciughe


Il cielo intorno è privo di luce, quindi Mauro Elli e la sua stella brillano ancor di più, grazie soprattutto alla parola Amore: per il proprio lavoro e per la tradizione della cucina italiana. E’il suo sorriso ad aprire e a chiudere la porta di questo intimo ristorante, con soli 30 posti a sedere e dove ci si sente come a casa, tra “coccole" e i vizi.

Non aspettatevi ingredienti fuori confine italiano, una cucina astratta e troppo costruita. Qui è la semplicità a dettare le regole, perché è l’ingrediente il protagonista, vista l’eccellente e accurata ricerca di materie prime e di piccoli produttori, da nord a sud del nostro Bel Paese.

Il resto è bravura del cuoco che con capacità, tecnica e passione trasforma tutto questo in piatti che diventano un racconto emozionale per chi li assaggia, trasmettendo una memoria di sapori e tradizioni. Sottointesa l’attenzione alla stagionalità.

La fama del suo benvenuto è ormai nota, anche se alcuni lo chiedono comunque, temendo che non arrivi al tavolo: uovo impanato e fritto accompagnato da una salsa di acciughe. Troppo rock per iniziare? Forse per la critica sì, ma per noi e per tutti i clienti è un biglietto da visita insostituibile. Uovo però non basta, bisogna specificare, Uovo di Selva, perché la differenza tra un allevatore e l’industria esplode alla rottura della panatura e poi in bocca.

Così come gli asparagi bianchi. Quelli usati nella zuppetta con gamberi rossi di Sicilia e burrata, uno tra i miei piatti preferiti, arrivano da un amico di Cantello e dipingono una portata da gustarsi con tutti i sensi. Sentite una nota di cioccolato bianco? Bravi! E’ il tocco geniale che completa la preparazione.

Il seguito è un grande concerto di musica classica, di quelli emozionanti e che non stancano mai, come l’intoccabile antipasto di calamaretti rosolati e serviti con purea di ceci. Come primo spaghetti alla chitarra Podere Forte con cipollotti e guanciale, che ci ricordano e fanno sempre più amare la nostra tradizione italiana e, a onore della sua amata Liguria, lasagnette al pesto di pinoli con gamberi rossi. Proseguiamo con il Sanpietro arrostito con salsa di sedano verde e pistacchi per poi passare ai dolci, grande passione di Mauro, perché un cuoco è anche pasticcere, come dice ed è lui! Originalissimo nella sua semplicità il crumble al rabarbaro e sorbetto e, tenendo sempre il cucchiaio, imperdibile la zuppetta di mandorle con frutti rossi e gelato a pistacchio.

Il cuoco prende direttamente le ordinazioni al tavolo e, lavoro permettendo, serve direttamente i suoi piatti raccontandone i segreti e soprattutto le materie prime, così come fa il fratello Pietro, che con lo stesso sorriso e passione si occupa dei clienti in sala. La cantina? Una selezione personale di etichette italiane semi sconosciute, alcune contrassegnate da cuoricini rossi, i “vini del mio privilegio”, che diventano quindi la scelta obbligata.

 

Contatti

RISTORANTE IL CANTUCCIO

Via Dante 32, Albavilla (CO)
031.628736
cantuccio@mauroelli.com
www.mauroelli.com

ADV

Leggi anche


E se l'uovo di Instagram fosse affogato?

Davide Paolini il 15 gen 2019

Spaghetto al pomodoro, très chic

Davide Paolini il 20 dic 2018

Come preparare la ribollita toscana

Davide Paolini il 11 dic 2018