Un amore bollito

Un intramontabile piatto natalizio: slow e adatto alla convivialità


Bollito che passione! Quando fa freddo che bello entrare in casa e sentire quel profumo di brodo, quel leggero sentore di sedano, poi quel sapore accattivante in bocca, il cui retrogusto urla: bollicine, bollicine. E’ un piatto slow, dai tempi lunghi, adatto a creare condivisione nella convivialità; c’è ancora tempo per questi aspetti di vita, quando il metro di giudizio è ovunque il solipsismo e la rapidità? 

Eppure quel pentolone in mezzo alla tavola o il carrello in un ristorante hanno ancora un richiamo irresistibile, così come il bollito da sempre offre contemporaneità. Forse pochi ancora preparano la ricetta tradizionale piemontese (Carrù è la capitale del bue grasso) composta di ben sette tagli: scaramella o biancostato (i nomi dei tagli di carne in Italia cambiano come i dialetti, nel giro di pochi chilometri), punta di petto, fiocco di punta, cappello da prete, noce (muscolo della coscia), tenerone, culatta. Non solo, ma sette sono anche gli ammennicoli e le frattaglie di carne, cotti a parte: gallina, testina, zampino, lingua, lonza, coda, cotechino. Il tutto accompagnato da cinque condimenti: salsa verde, salsa di pomodoro e acciughe, salsa con senape, mostarda d’uva, salsa delle api. Si può ancora cucinare a casa questo straordinario e complesso piatto? 

Le ricette in aiuto del bollito casalingo arrivano da alcuni macellai di qualitài fratelli Damini (sono anche ristoratori) di Arzignano (VI) consigliano infatti un tris di tagli: gallina, punta di petto, cappello da prete. Franco Cazzamali, macellaio di Romanengo (CR), a sua volta propone muscolo, cappello da prete, biancostato. A queste ricette si possono aggiungere, se proprio si desidera, lingua, coda, cotechino, testina e per arricchire il piatto con tre, quattro salse senza essere “ortodossi” della ricetta piemontese. Sergio Motta, macellaio a Inzago, nel suo ristorante di Berlinzago il lunedì sera fa il bollito e nel carrello ci sono lingua, testina, coda, cappello da prete, biancostato, cappone e cotechino, accompagnati da quattro salse. Per un autentico bollito emiliano, ci si può tuffare nel carrello della Clinica Gastronomica Arnaldo di Rubiera (RE) o fare una sosta presso il ristorante Cocchi di Parma.

Sebbene il bollito faccia pensare a tanta abbondanza di carne, può diventare un piatto di recupero con la gustosa ricetta, chiamata in Toscana “francesina”. Purtroppo non è stato amato dal guru Brillat Savarin che nella “Fisiologia del gusto” condanna il lesso (termine usato in luogo di bollito nella Tosco-Romagna), colpevole di far perdere alla carne una sostanza preziosa: l’osmazoma, che considera l’assoluto del gusto. Peggio per lui, io continuo a gustarlo e a consigliarlo.

ADV

Leggi anche


La ricetta dell'arista di maiale al vino bianco

Davide Paolini il 12 gen 2018

La ricetta del coniglio all’ischitana

Davide Paolini il 05 set 2017

Salumi da maiali tranquilli

Cristina Rombolà il 30 ago 2017