Capitone anti-jella

Mangiare il capitone per le feste natalizie esorcizza la sfortuna


capitone (di sesso femminile della famiglia delle anguillidae), si presenta con un corpo allungato, una pinna impari, una pelle squamata, un colore nero-verdastro sul dorso che diventa bianco sul ventre, un pesce che può arrivare fino a 5 kg e una lunghezza che può superare anche un metro.

L’anguilla maschio non supera mai i 50 cm di lunghezza e non va oltre 0,5 kg di peso. Le ragioni storiche che portano sulle tavole, soprattutto dei “campani”, il capitone si perdono nella notte dei tempi, tra superstizione e portafortuna (così come a Natale e a Capodanno il consumo di lenticchie e di chicchi d’uva). Ognuno ha una sua storia da raccontare, ma forse le più accreditate intravedono nel consumo del capitone la somiglianza tra questo pesce, inserito tra l’altro nella lista rossa (IUCN) di pericolo di estinzione, con il serpente, simbolo del male.

Così mangiare il Capitone esorcizza la sfortuna e la crudeltà, facendo svanire le negatività. Insomma, un boccone pre-natalizio adatto per la tavola dei superstiziosi, ma ciò non toglie che l’anguilla sia un pesce attraente per realizzare grandi piatti che non siano solo un fritto o in umido. Tra le migliori interpretazioni assaggiate di recente, mi è piaciuta quella di Fabio Abbattista, chef pugliese del ristorante Leone Felice dell’Albereta di Erbusco: anguilla cotta a carbone, glassata, mosto cotto d’uva, salsa di mele verde, cerfoglio e ketchup di cetriolo. Questo pesce che vive in acque dolci o salmastre, è notoriamente un pesce grasso, ma Fabio è riuscito con la sua lavorazione a renderlo piacevole e gustoso.

La cottura dell’anguilla alla griglia è uno degli aspetti più difficoltosi, ma Maria Grazia Soncini, cuoca patron della Capanna di Eraclio di Codigoro (territorio quello della Valli di Comacchio dove è diffusa la pesca, nonché la tradizione di cucinare questo pesce) svela un piccolo segreto per capire quando la cottura è perfetta: la pelle deve fungere da piatto della polpa, quando questa si stacca facilmente, l’anguilla sarà pronta. Un’interpretazione tra le più originali è di Massimo Bottura: anguilla laccata con cipolla bruciata, crema di polenta e concentrazione di mele campanine.
-
(foto: ricette.donnamoderna.com)

ADV

Leggi anche


La ricetta del baccalà con crema di zucca e porro fritto

Davide Campagna il 29 dic 2017

La Babele del cibo

Davide Paolini il 04 set 2017

Cibo, nutrimento, emozione, ricordo

Valentina Colombo il 14 giu 2017