A San Valentino un menù a prova d'amore

Per la festa degli innamorati c'è chi prepara piatti afrodisiaci e chi, come noi, suggerisce di testare il rapporto di coppia con piatti di consistenza



Se avete sospetti circa l’effettivo amore che vi riserva la vostra dolce metà, è arrivato il giorno della resa dei conti. Quale occasione migliore infatti per testarlo se non la romantica festa degli innamorati? E quale consiglio migliore se non metterlo alla prova a tavola? Scartate i ristoranti (eh sì, vi piacerebbe vincere facile) e concentratevi su una cenetta domestica, preparate con le vostre affettuose manine. Bene, siete al tête-à-tête, voi con il vostro partner e c'è un solo metro del giudizio: il cibo. Sbizzaritevi e sottoponetelo a un coraggioso menu per palati forti con piatti che non spronano proprio alla passione. Cinque portate, dall’antipasto al dolce, dal sapore deciso che segneranno le sorti della vostra vita di coppia, un innocente trabocchetto culinario che vi permetterà di capire se davvero l’amore vince sempre. Se la controparte non dovesse prestarsi, che dire? Valutate voi, ma ricordate che il giorno dopo è San Faustino, festa dei single, e la cena si può riciclare.

 

ACCIUGHE IN SALSA VERDE

Un debutto deve colpire prima di tutto le pupille e, successivamente, le papille. Immaginate che impatto cromatico possa avere il verde e poi pensate al gusto deciso dell’acciuga combinata con l’aglio. Potete allora capire perché per antipasto scegliamo un piatto della tradizione piemontese a base di acciughe, di aglio crudo, prezzemolo e olio. Una ricetta nata come povera, dal sapore intenso dettato dalla presenza del pesciolino azzurro e dall’aroma non proprio delicato dell’aglio, un concentrato a prova di bacio, insomma.  

 

VINCISGRASSI ALLA MACERATESE

Ricordate che aglio e cipolla non sono le uniche “tombe dell’amore”: altri cibi, da soli o combinati, possono ammazzarlo. Come primo piatto del menu proponiamo una ricetta marchigiana, di Macerata, che potremmo definire variante strong delle lasagne. I Vincisgrassi, lo si evince dallo stesso nome, sono un infedele alleato delle diete ipocaloriche. Pasta fresca a base di farina, burro, uova e Marsala condita con un ragù di regaglie di pollo, cervella, animelle, midollo, prosciutto grasso. Burro e besciamella come se piovessero.

 

FEGATO ALLA VENEZIANA

Andiamo a recuperare la seconda portata del menu in una regione che di tradizione gastronomica ne ha da vendere. Optiamo per un piatto bello sostanzioso della cucina contadina e, per non fare gli schizzinosi, lo proponiamo nell’antica ricetta che vede le fettine di fegato di vitello immerse in una salsa fatta con cipolle, brodo di carne, burro, prezzemolo. Il preparato viene poi servito su un vassoio i cui bordi sono decorati da crostini di pane fritti nel burro. Saggezza vuole che la polenta faccia da contorno. 

 

CAGLIO DI CAPRETTO SARDO

Potrebbe essere considerato come l’antesignano del formaggio e proviene dalla regione madre dei latticini. Su Callu de Cabrittu è prodotto solo in Sardegna, si tratta di un formaggio a base di latte di capretto che vanta un peculiare  metodo di conservazione. Viene fatto stagionare nello stomaco degli agnelli o dei capretti. Forma ovale, colore bianco tendente al giallo sbiadito, non ha crosta, la sua consistenza è cremosa, il sapore è decisamente forte, con una punta piccante, capace di mettere alla prova i palati più audaci.

 

SANGUINACCIO ALLA NAPOLETANA

Già che siamo in clima carnevalesco, terminiamo il nostro menu con un omaggio alla pasticceria partenopea che rimanda a questa festa. La ricetta combina il sangue di maiale cotto con il cioccolato extrafondente, i pinoli, il cacao amaro, il cedro candito. Superato il pregiudizio del sangue, garantisco che merita e, per capire quanto sia radicato nella gastronomia locale, basta pensare alla scena di Benvenuti al Sud. Come dimenticare Bisio che, per rispetto delle usanze tradizionali, è costretto a mangiare una cucchiaiata di sanguinaccio a colazione?

ADV

Leggi anche


Acciuga, che boom!

Davide Paolini il 19 mar 2018

Spaghetti con le acciughe

Davide Paolini & L'Arusnate il 18 nov 2015

Ti piace la bagna cauda?

Giorgio Bobba il 15 gen 2015